lo strato di cotone stampato - Assorbenti e proteggislip lavabili: realizzali tu

Assorbenti e proteggislip lavabili: realizzali tu

Anche per le donne, oltre che i pannolini per i bambini, ci sono gli assorbenti lavabili. Molto simili a quelli che usiamo di solito, ma a differenza di quelli usa e getta che hanno un adesivo per rimanere fermi sulle mutandine, i lavabili si chiudono con un bottoncino o con del velcro.

In internet, ma anche nella vita di tuti i giorni si sente (meno male) sempre più spesso parlare di ecologia. Noi di Pianetadonna siamo molto attenti alle tematiche eco-compatibili e soprattutto siamo grandi sostenitori del fai date. Come unire queste due cose nella realizzazione di qualcosa che, almeno fino ad una certa età, ci è davvero indispensabile?

Assorbenti e proteggislip lavabili: realizzali tuNegli ultimi mesi, sfogliando le pagine web dei miei blog preferiti, mi è capitato di leggere vari post che parlavano di assorbenti per la donna e salvaslip lavabili.
Se ne parla già in giro, ma ancora non ababstanza: un po’ come i pannolini lavabili per bambini, anche gli assorbenti e i salvaslip lavabili potranno non piacere, potranno essere giudicati scomodi o semplicemente non ci va di far la fatica di acquistarli sul web o, peggio ancora, di metterci a cucirli, ma il diritto all’informazione vince e, per dare la possibilità a tutte di scegliere, bisogna informare sul fatto che gli assorbenti lavabili esistono, sono igienicissimi, morbidi e anti-irritazioni, vi faranno risparmiare un bel po’ di euro e, soprattutto, vi faranno far del bene all’ambiente.

Gli assorbenti lavabili sono molto simili a quelli ai quali siamo abituate, ma a differenza di quelli tradizionali che hanno un adesivo per attaccarli agli slip, i lavabili si chiudono con un bottoncino o con del velcro.

lunapads_come– A questo link potrete acquistare in un sito italiano che tratta prodotti di eco-shopping e benessere al femminile, i Lunapads (gif animata a lato), assorbenti esterni lavabili realizzati in puro cotone e flanella di cotone biologico 100% con un sottile strato di nylon traspirante interno che previene il gocciolamento. Ecco cosa si può leggere su di essi nella pagina dello shop dedicata:
Due morbide fettucce poste alle estremità permettono di posizionare le strisce rimovibili. Queste si cambiano con la stessa frequenza degli assorbenti usa e getta e si lavano con facilità in lavatrice con il resto del bucato. I Lunapads si fissano con un piccolo automatico alla tua biancheria intima (ti sconsigliamo di usare i tanga o i perizoma perché l’assorbente potrebbe non restare nella giusta posizione).

Suggerimenti per il lavaggio: lascia a bagno in acqua fredda per 10 minuti le strisce usate e/o la base dell’assorbente, procedi poi con il lavaggio a mano o in lavatrice. Questo aiuterà a tenere sempre ben puliti i tuoi Lunapads. Cerca di non lasciare mai che il sangue si secchi a contatto con l’aria: durante il ciclo mestruale puoi tenere una bacinella di acqua fredda sempre pronta nel tuo bagno. Puoi fare asciugare i Lunapads all’aria o metterli nell’asciugatrice (essendo in cotone si restringeranno un po’ ma resteranno morbidissimi).
Non usare mai la candeggina: rovina il prodotto. Puoi trovare nel tuo negozio biologico di fiducia sbiancanti naturali molto efficaci
Se sei fuori casa: per riporre le strisce usate porta con te una bustina di plastica (tipo quelle per il trucco)
Si acquistano, per ora, solo in internet perchè non sono molto pubblicizzati, credo ci vorrà un pò di tempo per vederli nei negozi.

padfolded-smpadoutside-smUn altro sito dove acquistare una vastissima scelta di prodotti ecologici per te e per i tuoi figli, troviamo bellissimi assorbenti lavabili, parlo della Mommy’s Touch. L’esterno dell’assorbente è in PUL, un materiale impermeabile, mentre l’interno è di micropile. Sono come degli assorbenti usa e getta con le ali che si chiudono sottola mutanda, anzichè con l’odiosissimo adesivo, con un automatico che serve anche a tenere l’assorbente chiuso a pocket quando non viene indossato

C’è però chi se li fa in casa come tante blogger italiane e straniere che abbiamo scovato nella rete. Ecco direttamente dai loro blog le istruzioni per fabbricare cucendoli i vostri assorbenti e salvaslip lavabili economici ed ecologici:

  • A questo link (in inglese ma comprensibile anche se se hanno pochi rudimenti) potrete trovare le istruzioni per confezionare i vostri assorbenti. Le istruzioni contemplano l’uso di una comune macchina da cucire e sono corredate di una sequenza di foto chiarissime
  • Barbara, nel suo blog “Il cucito eco-alternativo dei Tre topini”, crea un vero e proprio assorbente usando pul, pile, spugna e flanella. (Il pul rende impermeabile l’assorbente anche se in Italia è un tessuto difficile da trovare). Ci fa seguire passo passo e in maniera super dettagliata anche attraverso tantissime foto, tutti i passaggi fino alla completa realizzazione.
  • Ancora da un sito americano, ecco un’assorbente in stoffa, in questa pagina potrete scaricare liberamente il cartamodello per farlo subito.
  • Un’assorbente tutto di flanella verde arriva dal blog Sewgreen
  • Claudia nel suo meraviglioso blog, La casa nella prateria, regala a tutte un tutorial per cucire in casa un salvaslip o un assorbente, usando stoffa colorata, pile e bottoncini a pressione. La spiegazione (nel blog potete vedere anche tutte le foto), per la sua accuretezza, merita di essere proposta per intero. Buon cucito a tutte allora!

Testo tratto dal Blog La casa nella prateria

lo strato di cotone stampato - Assorbenti e proteggislip lavabili: realizzali tu…Come i pannolini e le salviettine, anche gli assorbenti e i proteggislip aggravano il problema dell’inquinamento. L’idea dei lavabili puo’ essere un po’ sconvolgente per chi non ci ha mai pensato, ma vi rassicuro: usarli è molto più semplice di quanto pensiate.
Potete addirittura confezionarli da voi, a costo zero, con materiali che probabilmente avete in casa. Per quelli illustrati qui io ho utilizzato esclusivamente scampoli.

proteggiOccorrente: tessuto di cotone piuttosto spesso, preferibilmente naturale o bianco; pile molto sottile (opzionale); tessuto di cotone stampato (opzionale); bottoncini a pressione, ago e filo. Macchina da cucire, se ne avete una.
Il modello potete ricavarlo da un qualsiasi porteggislip, al quale andranno aggiunte le “ali”. Attenzione: devono essere abbastanza fai da te, cucire, assorbenti lavabili, pannolini lavabili, ecologia, riciclo, salvaslip lgrandi da potersi toccare e anche sovrapporre leggermente.Tracciate il contorno del modello sul vostro pezzo di cotone, per due volte.
tagliatelo
Questa tappa è facoltativa, ma io la consiglio fortemente: inserire tra i due strati di cotone uno strato di pile sottilissimo. Il pile è idrorepellente. Tracciare la sagoma del proteggislip, senza le “ali”.Anche questa tappa è facoltativa: aggiungere uno strato di cotone stampato, tanto per l’estetica. I vostri scampoli saranno perfetti. Procedere come per i primi due strati di cotone.Otterrete quello che le appassionate di patchwork chiamano il “quilt sandwuch”, ovvero un “panino” composto da:

  1. uno strato di cotone
  2. lo strato di pile
  3. il secondo strato di cotone
  4. lo strato di cotone stampato

 

Fissare lungo i lati lunghi del proteggislip vero e proprio, come nella foto, unendo tutti gli strati del “panino”.Rifinire tutto intorno. La vostra macchina da cucire avrà sicuramente almeno un punto per rifinire i bordi.
Per chi ha voglia e tempo (non è il mio caso) o per chi cuce a mano, potete confezionare (o acquistare) uno sbieco da cucire tutto intorno. Esteticamente il risultato sarà molto più gradevole.

Una volta assemblato, il proteggislip avrà più o meno questo aspetto (immagine a lato)
Per finire, cucite due bottoncini a pressione sulle ali. E voilà… potete anche piegarlo in quattro e infilarlo in borsetta, proprio come i “pocket” del supermercato.

Allo stesso modo potrete confezionare anche degli assorbenti lavabili. Basterà adattare la lunghezza e aumentare lo spessore dello strato di pile (almeno mezzo centimetro).